© 2019 by www.jsbach.it

  • Facebook - Bianco Circle
  • Twitter - Bianco Circle

Stefano Molardi

Scuola Universitaria di Musica di Lugano; concertista, docente di organo e clavicembalo

Bach: interpretazione, esecuzione, registrazione

L'attività bachiana di Stefano Molardi si basa su analisi e studio dell'interpretazione, relazione con la dimensione religiosa/spirituale delle opere per organo e delle opere vocali, studio dell'elemento scientifico/numerologico/cabalistico delle sue opere; studio della prassi esecutiva dell'epoca in relazione alla produzione bachiana organistica e cembalistica: "stile rubato", tocco, espressione, registrazione (all'organo). Esecuzione in concerto in Italia, Europa, Giappone di opere bachiane, con riferimento alla prassi originale e alla ricerca della sonorità più adeguata in relazione agli organi storici della Germania centrale e i relativi "affetti" contenuti nei brani.

Organista, clavicembalista, direttore, musicologo cremonese, si è perfezionato con M. Radulescu (presso la Hochschule für Musik di Vienna), con cui ha collaborato come continuista, all’Académie Bach di Porrentruy (CH). Si è successivamente laureato presso la facoltà di musicologia di Cremona. E’ stato premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tra cui quello di Brugge ed il prestigioso Paul Hofhaimer di Innsbruck. Svolge un’intensa attività concertistica come solista, direttore e come continuista in importanti rassegne in Italia, in Europa, in Brasile, USA, Giappone. E' docente di organo presso la Scuola Universitaria di Musica di Lugano, tenendo masterclasses in Italia, Svizzera, Giappone, Spagna. Ha registrato per Tactus, Deutsch Grammophon, Divox, Brilliant Classics. In particolare con la Brilliant ha inciso l’integrale della musica organistica di J. S. Bach, di J. Kuhnau, di G. B. Platti ottenendo importanti riconoscimenti internazionali, tra cui 5 stelle della rivista “Musica” e presso la BBC Music Magazine a Londra e in Germania il “Preis der Deutschen Schallplattenkritik. Dal 2005 è direttore dell’orchestra barocca “I Virtuosi delle Muse”, diventata nel 2013 “Accademia Barocca Italiana, realizzando importanti progetti in Europa e in USA.