L'Organo di Lüneburg

L’organo della Johanniskirke di Lüneburg è stato uno dei primi strumenti sui quali J. S. Bach ha avuto modo di esprimere le proprie capacità. Il quindicenne Bach potè infatti studiare qui sotto la guida di Georg Böhm, tra il 1700 e il 1703, dando già prova di spiccate doti compositive.
Quest’organo, inoltre, fu per Bach la prima occasione di confronto con un grande strumento (strumento che il grande M. Praetorius aveva definito - circa un secolo prima - come il più importante della Germania).

STORIA DELLO STRUMENTO e DELLA CHIESA
La bella chiesa gotica di S. Giovanni, costruita in 5 navate, ospitava un organo già pochi anni dopo la sua consacrazione (1374). Il prospetto dell’organo attuale è il frutto della rielaborazione settecentesca di Mathias Dropa (1712) della precedente mostra rinascimentale di Hendrik Niehoff e Jasper Johansen (1551), ancora visibile al centro dello strumento.
Nel periodo in cui Bach ebbe modo di suonarlo, lo strumento si presentava con tre tastiere e pedaliera, sebbene quest’ultima non possedesse se non un solo registro labiale di 16’. Diversi e consistenti furono gli interventi nel corso del tempo: ancora oggi, tuttavia, questo strumento conserva al suo interno numerosi registri antichi.

Due curiosità: quest’organo fu al centro dell’attenzione di Dietrich Buxtehude, su indicazione del quale l'organaro Matthias Mahn (1586) costruì una nuova cassa per poter inserire due nuovi registri; nel 1683, inoltre, anche il grande organaro Arp Schnitger fu incaricato di un progetto di ricostruzione, ma le trattative tra questi e il Consiglio della Città non andarono a buon fine.

DISPOSIZIONE FONICA (al tempo di BACH)
Rückpositiv (I) : Principal 8’ - Quintaden 8’ - Octave 4’ - Hohlflöte 4’ - Sieflöte 1’ - Mixtur - Scharff - Sesquialtera

Werck (II) : Principal 16’ - Octave 8’ - Octave 4’ - Nachthorn 2’
Oberwerck (III): Principal 8’ - Hohlflöte 8’ - Octave 4’

Pedal: Untersatz 16’

Accessori: Tremulant, Sperrventile
Unioni: Rp/W, Ob/W; secondo Praetorius, il Pedale sarebbe stato costantemente unito al Werck.

OPERE DI BACH RIFERIBILI AL PERIODO DI LÜNEBURG
BWV 531, Preludio e Fuga in Do maggiore
BWV 535a, Preludio e Fuga in Sol minore (prima versione del Preludio e Fuga in Sol minore, BWV 535)
BWV 549a, Preludio in Re minore (prima versione del Preludio e Fuga in Do minore, BWV 549)
BWV 568, Preludio in Sol maggiore
BWV 569, Preludio in La minore
BWV 711 (dubbio), Corale "Allein Gott in der Höh sei Ehr"
BWV 718, Corale “Christ lag in Todes banden”
BWV 741, Corale “Ach Gott, vom Himmel sieh darein"
BWV 751 (dubbio, attr. Johann Michael Bach), Corale “In dulci jubilo”
BWV 762, Corale “Vater unser im Himmelreich”